Asilo Nido - Scuola dell'Infanzia - Ludoteca

tel.: 06.33220472 - cell.:334.6440802

Il rapporto che il bambino ha con il cibo può diventare uno degli ostacoli più temuti per i genitori, specie quando il momento del pasto trasforma il vostro piccolo e tranquillo figliuolo in un mostriciattolo appiccicoso e pronto a lanciare cibo ovunque!!!
Molti genitori si chiedono se sia giusto far giocare il bimbo con il cibo o se, al contrario, bisogna evitare che il pasto diventi un momento ludico.

Quel che è certo è che il rapporto con il cibo cambia e si trasforma a seconda dell’età. A 12-18 mesi i bambini mangiano ormai quasi tutto ed è il momento giusto per proporgli di assaggiare qualche novità! L’accettazione dei nuovi cibi è strettamente correlata alle esperienze sociale e cognitive del bambino. Ma proprio in questa età, il bambino vuole giocare con il cibo e la funzione nutritiva sembra passare in secondo piano. In questo caso è importante per i genitori seguire delle semplici regole quali:

  1. Far arrivare il bambino a tavola con il senso della fame, rassicurandolo al contempo che presto verrà saziato!
  2. Incoraggiare il bambino a mangiare da solo anche se utilizza le mani o si sporca ma spiegargli che non si gioca con il cibo quando si mangia e che dopo il pasto gli darete la possibilità di manipolare e divertirsi con farina, pasta cruda, legumi etc…
  3. Se il bambino gioca con il cibo senza più mangiare è bene togliere il piatto e fargli comprendere che se non ha più fame il momento del pasto è finito.

A 18-24 mesi, normalmente, il bambino mangia autonomamente a tavola con la mamma e il papà e ciò è importante per l’affermazione della sua indipendenza. Per questo è bene che il pasto consumato a tavola sia uguale per tutti. Il problema nasce quando il bambino rifiuta di mangiare ciò che gli viene proposto ed è difficile dire se è bene o meno dare l’alternativa. Sicuramente va considerato che il bambino in questa età diviene oppositivo proprio perché vuole sempre di più affermarsi e quindi il genitore deve capire se il rifiuto è legato al gusto o ad un’opposizione e quindi riuscire ad offrire comprensione ma essere allo stesso tempo fermo per quanto riguarda le regole stabilite.

A 2-3 anni il momento del pasto diviene anche un momento di condivisione familiare in cui ci si racconta e si condivide come ognuno ha trascorso la giornata. L’autonomia del bambino si rafforza e il genitore dovrebbe dargli la possibilità di servirsi da solo in modo che capisca a poco a poco quale sia la giusta porzione per lui e riconoscere il senso di sazietà senza spreco di cibo.
Inoltre si può passare all’utilizzo di piatti di ceramica e bicchieri di vetro responsabilizzandolo sempre di più.
Infine a 4-5 anni il momento del pasto dovrebbe ormai essere ben interiorizzato e il bambino sarà in grado di scegliere il cibo in base al proprio gusto e di riconoscere anche la composizione dei piatti che gli vengono proposti.

Quello che è sempre importante è di non far mangiare mai il bambino da solo proprio perché deve essere un momento di dialogo e condivisione. E deve essere anche un momento piacevole e non un interrogatorio del tipo: “Oggi hai studiato? Ti sei lavato? Hai fatto il tuo dovere?”
Bisogna permettere al bambino di mangiare con calma dandogli anche la possibilità di fare una pausa tra un piatto e l’altro in modo tale di poter percepire anche meglio il senso di sazietà.
La soluzione migliore è seguire queste poche e semplici regole e dare il tempo al bambino di scoprire un nuovo gusto proponendoglielo almeno per tre volte, per evitare che finisca subito sulla lista nera dei cibi da evitare!

Mappa

Newsletter

Iscriviti Alla Nostra Newsletter

© Copyiright 2016 Scuola Nella Vecchia Fattoria srl Via del Casale della Crescenza, 12 P. IVA e C.F. 06520581007 Rea 974548 Uri RM Cap. Sociale 60.000 €
 Logo Pagine Sì!
Privacy Policy e Cookie