Asilo Nido - Scuola dell'Infanzia - Ludoteca

tel.: 06.33220472 - cell.:334.6440802

La manipolazione tattile è la prima forma di comunicazione del bambino ed è un linguaggio di amore e diconoscenza. Il termine manipolazione è utilizzato nella prima infanzia per indicare quelle attività che consentono al bambino di esplorare, di scoprire le caratteristiche dei materiali attraverso le mani e di creare.

Il bambino solitamente ama lavorare con i materiali plasmabili. Questo tipo di attività, oltre a procurargli un immediato piacere di tipo sensomotorio, gli offre un importante risvolto simbolico (ovvero il sentirsi protagonista nel modellare la realtà esterna) e lo avvia alla consapevolezza che ogni sua azione lascia un'impronta e questa è espressione di sé. I materiali plastici si prestano inoltre ad una duplice possibilità diespressione della sua affettività; infatti possono essere lavorati con dolcezza (lisciati, plasmati con i polpastrelli, smussati) oppure con violenza (penetrati con le dita e con gli oggetti.) ed in tal caso esprimere una carica di aggressività, che viene così canalizzata.

L’attività di manipolazione risponde a molti bisogni dei bambini, stimola la loro creatività, sviluppacompetenze sensoriali, motorie, cognitive ed espressive, favorisce la coordinazione oculo-manuale e sviluppa la manualità fine. Inoltre incoraggia i bambini a toccare materiali dalle consistenze insolite ed evidenzia il rapporto tra gesto e segno (causa ed effetto), offrendo diversi elementi che, pur non essendo “strumenti grafici”, permettono e rendono immediatamente visibile la traccia e il segno prodotto dalmovimento dei bambini.


Durante l’attività di manipolazione i bambini immergono le loro mani e la loro immaginazione nel materiale proposto, come ad esempio la creta, dove le mani si muovono, la materia si adegua ad esse e la lorocreatività si accende…! Il piacere dell’esplorazione, della trasformazione delle cose con l’azione delle proprie mani, fa parte della vita stessa dei bambini; i colori, i materiali plastici, quelli naturali e di recupero diventano strumenti importantissimi per sollecitare la scoperta e la costruzione di nuove modalitàespressive e di conoscenza del mondo.

Entrare in relazione con i materiali attraverso i sensi, organizzare le informazioni, trovare connessioni diforme, scoprire differenze, trasformare le cose sono alcune delle linee conoscitive preferite dai bambini. Leesperienze attraverso le mani e gli occhi attivano percorsi individuali e condivisi fra bambini.

Quando il bambino traccia dei segni o lascia delle impronte, inizialmente non ha di mira alcun risultato di carattere grafico o plastico, ma soprattutto cerca di saggiare la resistenza del materiale che si trova di fronte ha una gratificazione sensoriale. Successivamente inizia ad attribuire significati alle proprie creazioni.

L'educazione al tatto è importantissima nei primi anni dei bambini.

Il ruolo dell'adulto è una presenza interessata ed affettuosa ma non intrusiva, come dice B. Munari. Il suo compito è predisporre con cura l'ambiente, renderlo stimolante e confortevole, preparare i materiali più adatti alla manipolazione, in relazione all'età. Un attento osservatore delle dinamiche dei bambini che però sa tenersi in disparte per non influenzare la libera sperimentazione dei bambini.

Mappa

Newsletter

Iscriviti Alla Nostra Newsletter

© Copyiright 2016 Scuola Nella Vecchia Fattoria srl Via del Casale della Crescenza, 12 P. IVA e C.F. 06520581007 Rea 974548 Uri RM Cap. Sociale 60.000 €
 Logo Pagine Sì!
Privacy Policy e Cookie